Non hai trovato quello che cerchi?Chiudi

Descrivici la soluzione abitativa che stai cercando, ti aiutiamo noi.

La tua richiesta è stata inviata corretamente.



Blog

Informazioni utili per l'acquisto della tua nuova casa a Cremona

Comprare casa alle Aste Immobiliari

Perché comprare una casa all’asta

Comprare una casa all’asta è assolutamente conveniente, i risparmi possono arrivare al 20% dell’intero valore dell’immobile ed inoltre è possibile evitare le spese notarili e la percentuale dovuta alle agenzie immobiliari. Infine, è sempre possibile accendere un mutuo ed avere tutti i vantaggi fiscali sulla prima casa.

Purtroppo, però, l’acquisto di un immobile all’asta è un acquisto che può nascondere brutte sorprese. Occorre essere cauti, oltre che metterci un po’ di impegno nella ricerca.

Cosa sono le “vendite immobiliari all’asta”

Gli immobili messi all’asta provengono da condizioni particolari quali:

  • fallimenti
  • mutui non estinti
  • prestiti non saldati

per cui si procede alla pubblica vendita. Il rischio principale in cui si può incorrere nell’acquisto di immobili all’asta è quello di trovarsi immobili in cattivo stato.

Un primo utile consiglio per limitare questo rischio è leggere attentamente la perizia, che deve essere stata redatta da un esperto incaricato dal Tribunale. La perizia ha l’obiettivo di valutare l’immobile nel suo insieme, dalla zona in cui si trova, allo stato di conservazione esterna, dallo stato di impianti e rifiniture, alla luminosità ed esposizione dei locali. Non potendo visionare l’immobile, come spesso accade, il rischio di ciò in cui si potrebbe incorrere è notevole: bisogna aspettarsi di tutto, anche perché spesso le perizie sono state redatte molti anni prima e le condizioni della casa possono essere notevolmente cambiate nel frattempo. Si consiglia di evitare immobili non visitabili.

Se possibile fare richiesta di poter visitare l’immobile al Custode designato, in modo da rendersi conto personalmente dello stato delle cose. Un ulteriore rischio è dato dal fatto che l’immobile sia occupato da inquilini, che potrebbero risultare difficili da sfrattare anche cercando di applicare la legge.

Qualora le perizie vengano effetuate molto tempo prima rispetto all’asta potrebbe accadere che le basi d’asta siano assurdamente basse. In questo caso, le aste saranno le più affollate: è quindi possibile che in fase di rialzo, i prezzi salgano, superando di gran lunga la base d’asta. Il consiglio quando ci si trova davanti ad immobili simili, ma con basi d’asta molto differenti fra loro, è prendere in considerazione solo quello con il prezzo base maggiore. In quel caso si avranno più opportunità di aggiudicarselo con un rialzo minimo, rispetto ad un immobile con una base d’asta minore poiché i partecipanti all’asta saranno esigui e conseguentemente minori saranno anche i rialzi.

Una volta trovata l’asta a cui si vuole partecipare bisogna procedere con la prima fase burocratica. Innanzitutto occorre preparare la domanda di partecipazione: la si può compilare in carta semplice, oppure scaricarla da internet, applicandovi una marca da bollo da € 14,62.

Oltre alle carte, nel momento in cui si partecipa, è necessario versare anche due assegni circolari. Bisogna preventivare per questi assegni il 25% del prezzo di partenza. Qualora si vincesse, i due assegni verranno depositati sui libretti della procedura fallimentare, e nel caso in cui non si riuscisse a saldare il prezzo di aggiudicazione nel termine fissato dall’Ordinanza di vendita, anche l’intera cauzione è perduta. Qualora non ci si aggiudicasse l’asta, i due assegni verranno immediatamente restituiti.

Se dopo qualche giorno ci si rende conto di aver fatto una scelta azzardata o sopraggiungono complicazioni personali di qualunque genere, è possibile rinunciare al bene aggiudicato, che tornerà all’asta entro pochi mesi. In questo caso però il Tribunale tratterrà l’intera cauzione versata con l’offerta. 

 Affidarsi ad un’agenzia immobiliare per acquistare la casa all’asta

Acquistare casa ad un asta giudiziaria non è sempre semplice, né affrontare la burocrazia e gli impegni che richiede seguire un’asta immobiliare. In questo caso potete affidarvi ad un’agenzia immobiliare, meglio se specializzata anche nelle aste giudiziarie come L’Immobiliare di Cremona.

L’agenzia infatti offre diversi servizi:
  • Monitoraggio del mercato delle aste con segnalazione delle migliori opportunità
  • Compilazione e presentazione dei documenti
  • Visita e valutazione dell’immobile pignorato
  • Aiuto nella pre-delibera del mutuo
  • Consiglio o partecipazione delegante durante l’udienza
  • Controllo degli adempimenti del decreto di trasferimento della proprietà
  • Controllo eventuale dello sgombero della casa